ETICHETTE

Google+ Followers

Visualizzazioni totali

Politicy Privacy and GDPR

Lettori fissi

Ti piace il mio blog? VOTAMI

web

venerdì 30 marzo 2018

HEADU La mia casetta Montessori

I numerosi studi condotti sul gioco soprattutto negli ultimi anni, hanno portato al riconoscimento del ruolo centrale che esso svolge nel processo di sviluppo infantile.

L'attività ludica è infatti la forma di espressione privilegiata dal bambino, lo strumento attraverso il quale si rapporta a se stesso, esplora il mondo circostante, ha la possibilità di ricombinare in maniera personale e creativa le informazioni, le indicazioni, i segnali che gli vengono dall'ambiente.

Il gioco è quindi un'azione che il bambino compie intenzionalmente per inserirsi nella realtà che lo circonda e per manipolarla.

Il gioco come gioco ha per caratteristica centrale di essere orientato verso la creatività, dunque verso il cambiamento, verso il possibile.
E' nel giocare che il bambino sperimenta con successo la possibilità di intervenire attivamente sugli elementi che lo attorniano.
Il gioco è un'attività gratificante poiché non è condizionato da pressioni interne o esterne e tende perciò solo al piacere e alla conferma di sé.
Il gioco aiuta ad acquisire consapevolezza di sé a elaborare insomma un'identità sociale e personale. 
Durante il primo anno di vita giocare è il modo con cui i piccoli conoscono l'ambiente che li circonda. 
In una stanza è racchiuso il mondo intero: una scatola può trasformarsi in un'automobile, un mantello fa di un bambino un super eroe, ecc. Anche i piccoli dispiaceri vengono superati rivivendoli nel gioco: ad esempio le lacrime per il distacco dalla mamma spariscono quando una bambola prende il suo posto.
Un adulto sereno ed equilibrato è stato, da piccolo, un bambino che ha potuto esprimersi liberamente nel gioco.
Quindi non sono necessari giocattoli costosi o elaborati bastano oggetti semplici che stuzzichino la naturale fantasia del bambino, come i giochi  
Montessoriani della HEADU
 Una azienda  che crea giochi educativi  atti a stimolare le intelligenze multiple dei bambini attraverso il gioco e con dispositivi didattici divertenti, organizzati in menu di competenze personalizzabili al fine di allenare in modo spontaneo e non forzato una capacità di apprendimento permanente.

La mia casetta Montessori 



 Lo scopo di questo gioco è quello  di mettere ogni   cosa al suo posto mettere  in ordine le cose e ricomporre le stanze della   fantastica casetta!
E' adatto per la fascia di età che va dai 2 ai 5 anni


Il gioco racchiuso in una scatola a valigetta , contiene 6 grandi schede sagomate ognuna rappresenta una stanza della casa e per ogni stanza il bambino dovrà trovare gli oggetti corrispondenti in base ai disegni e le forme e ricollocare ogni formina sagomata al posto giusto

Con questo gioco il bimbo impara ad acquisire 

 l’identità e l’autonomia personale , sviluppare il tatto , svolgere piccoli compiti ,riconoscere le forme,  classificare gli oggetti









 Davvero bello ed educativo questo gioco, se avete bimbi nella fascia 2 -5 anni ve lo consiglio
lo trovate sul sito della HEADU oppure su Amazon a questo link





1 commento:

  1. Anche se si tratta di giochi, questi sono i post che mi entusiasmano, il gioco è bellissimo didatticamente parlando, post fatto molto bene!

    RispondiElimina